Il nostro Blog

Trasloco e oggetti fragili

Durante un trasloco il rischio che gli oggetti fragili possano rompersi è alto, soprattutto quando la loro preparazione al trasporto non è stata eseguita correttamente. Vediamo allora come procedere.

Imballaggio di oggetti fragili: le operazioni preliminari

Prima di procedere a mettere bicchieri, piatti e tutti gli altri oggetti fragili nelle scatole è bene programmare le operazioni da svolgere.

Prenditi il giusto tempo

Inscatolare gli oggetti fragili non è un’operazione che si può fare di corsa e in luoghi dove il caos regna sovrano. Invece, richiede tempo, attenzione e un tavolo da lavoro dove potersi comodamente appoggiare. È questo il momento in cui si verifica il maggior numero di incidenti.

Realizza una lista degli oggetti delicati

Potresti ritenere uno spreco di tempo scrivere tutti gli oggetti che rientrano nella categoria “fragile”, ma tale operazione si rivela essenziale per una buona preparazione al loro imballaggio. Non ti limitare a scrivere bicchieri, piatti etc. ma sii preciso: segna il numero e la dimensione (es. 6 bicchieri di vino a calice, 6 bicchieri per acqua bassi, 6 flûte di champagne). Questo ti servirà per procurarti il materiale necessario.

Acquista il materiale da imballaggio

Una volta redatta la lista, compra tutto il materiale utile per la preparazione dei pacchi:

  • Scatole – scegli le scatole robuste e di diverse dimensioni. Presta particolare attenzione a quelle destinate ad oggetti dalla forma particolare, come i lampadari.
  • Carta velina.
  • Pluriball.
  • Patatine di polistirolo.
  • Carta di giornale.
  • Pannelli di cartone alveolare da imballaggio.
  • Nastro adesivo.
  • Forbici.

Nell’acquisto non avere paura di esagerare: meglio avere una buona scorta, che ritrovarsi durante l’imballaggio senza scatoloni o materiale protettivo.

Oggetti fragili: come imballarli

Fragili sì, ma con le proprie peculiarità. Non è possibile spiegare in generale come imballare gli oggetti delicati, perché ognuno richiede un modo specifico. Vediamo allora quelli più frequenti.

Bicchieri

Avvolgi i bicchieri con la carta velina per evitare che si graffino; una volta fatto, riempili con della carta di giornale e, infine, avvolgili nel film a bolle. Quando li posizioni nella scatola utilizza anche il cartone alveolare specifico per bicchieri. Se fai più ripiani, metti sotto i bicchieri che pesano di più.

Piatti (anche decorativi)

Avvolgi i piatti con il pluriball, che fisserai con il nastro adesivo, e poi inseriscili verticalmente nella scatola. Per separarli e mantenerli stabili puoi utilizzare anche il cartone alveolare.

Lampadari

L’imballaggio dei lampadari è particolarmente delicato. In primis cerca una scatola che li possa contenere agevolmente, ma che non lasci troppo spazio di movimento. Poi dividi tutte le parti che si possono smontare e incartale con il pluriball una per una. Presta particolare attenzione ai cavi elettrici e alle parti piccole: durante il trasporto rischiano di allentarsi.

Quadri e specchi

Avvolgi i quadri e gli specchi nel film con le bolle, che poi fisserai con il nastro adesivo. Se sono di piccole dimensioni, dopo aver messo lo strato protettivo, puoi anche imballarli insieme in un’unica scatola.

Precauzioni generali

  • Presta attenzione al peso degli scatoloni: non deve essere eccessivo per poterli maneggiare agevolmente.
  • Nella preparazione delle scatole assicurati di non inserire troppi oggetti o di non lasciare eccessivi spazi vuoti: in questo caso utilizza le patatine di polistirolo o la carta di giornale come riempimento.
  • Metti un foglio di pluriball sotto e sopra agli oggetti: in questo modo garantisci loro una maggiore protezione nella scatola.
  • Fai parlare la scatola: anche se ti affidi ad una ditta specializzata, è importante evidenziare le scatole con gli oggetti fragili. Ricordati di mettere la scritta “FRAGILE” sui lati e di indicare con una freccia il verso corretto per appoggiare della scatola (sotto-sopra).

Se il tuo tempo è poco, se non hai la pazienza di imballare con cura gli oggetti soprattutto quelli fragili, lascia che di tale incombenza se ne occupi un professionista. Proprio come quelli di TraslocaMI, ditta specializzata nel trasloco, che opera a Milano e nel suo hinterland. Per la richiesta di un preventivo puoi utilizzare l’apposita pagina presente sul nostro sito, chiamarci allo 351.8063025 o scriverci a linea_group@libero.it. Siamo a Lainate (Milano), in via Pagliera 24.

Clicca sul tipo di Trasloco che ti interessa

Trasloco Casa

Richiedi subito un preventivo per il trasloco della tua casa.

Trasloco Aziendale

Richiedi subito un preventivo per il trasloco della tua azienda.